Norme e leggi camion vela pubblicitari

NORME E LEGGI SUI CAMION VELA

NORME E LEGGI PER L’USO DEI CAMION VELA PUBBLICITARI

 

L’AGENZIA PUBBLICITARIA MEDIALABO VI FORNISCE IL SERVIZIO TUTTO INCLUSO

Il camion vela è un mezzo di comunicazione a 180 gradi il quale rientra nella categoria di pubblicità dinamica quindi non è catalogata come affissione in quanto viene spostata ogni 48h.

Il mezzo è stato creato proprio per essere visibile soprattutto a lunga distanza grazie al suo movimento in lunghe distanza con una grande percentuale di percentuale di persone.

Prima di iniziare una campagna pubblicitaria tramite camion vela è importante rivolgersi ad una agenzia specializzata in questo in modo tale da non ricevere sorprese anche dopo diversi mesi di sanzioni/multe.

LE LEGGI IN MERITO AI CAMION VELA

Il camion vela è ad uso speciale: La normativa UE definisce “veicoli per uso speciale” i veicoli con caratteristiche tecniche specifiche che consentono loro di svolgere una funzione che richiede disposizioni e/o attrezzature speciali: la definizione si discosta lievemente da quella prevista dal vigente CDS nazionale ma non appare con essa in contrasto.

Al capoverso g) dell’art. 54 si dice che gli autoveicoli ad uso speciale sono quelli caratterizzati dall’essere muniti di speciali attrezzature, permanentemente installate, destinate all’effettuazione di particolari attività. Nell’uso speciale l’autoveicolo vive in funzione dell’attrezzatura montata, come pure le persone e i materiali destinati all’uso di queste attrezzature, che il codice esplicita come “destinate al ciclo operativo del veicolo”.

All’art. 203 del regolamento di attuazione del codice – comma 2 – troviamo tutti i casi di uso speciale previsti dal codice. L’autoveicolo ad uso speciale è, quindi, prevalentemente un conto proprio e non un terzi. Questi autoveicoli hanno sempre: – massa complessiva (da omologazione), – tara in ordine di marcia, – portata. La portata è quindi puramente fittizia tanto che questi mezzi sono in esenzione da legislature relative al trasporto merci. A questi veicoli viene attribuita comunque una portata fiscale, pari alla differenza tra massa complessiva e tara del veicolo allestito con carrozzeria di tipo leggero o tra massa complessiva e tara dell’autotelaio cabinato maggiorata del 20%.

I camion vela possono circolare liberamente con autista a bordo in qualsiasi città italiana mentre in alcune città è vietato fermarsi in qualto il comune lo vieta. Bisogna quindi essere aggiornati, tramite l’agenzia di comunicazione di sapere quali sono i comuni che vietano la vela publicitaria.

In tutti gli altri comuni dove è possibile girare e sostare sempre nei limiti delle 48h la vela bisogna sempre pagare le imposte pubblicitarie le quali vanno in base alla metratura del manifesto pubblicitario. La tassa varia da comune a comune e quindi bisogna valutare anche questo.

COME EVITARE SANZIONI/MULTE

Il modo migliore per evitare sanzioni e senza dubbio affidarsi ad una agenzia la quale svolge il servizio completo e quindi stare sicuri al 100% che non arrivano multe a vostro carico. In questo caso loro di assumono tutte le responsabilità.

SE SIETE INTERESSATI AD UNA CAMPAGNA PUBBLICITARIA CON SERVIZIO TUTTO INCLUSO CLICCA QUI

MEDIALABO ICON

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento